Cronaca

Lago d'Iseo: una macchia di liquami lunga 3 km e larga 200 metri

La denuncia arriva da Legambiente, secondo la quale si tratterebbe di scarichi fognari e scarichi industriali illeciti

"Dallo sfioratore di Pisogne che dà sul canale industriale, è uscito un getto continuo e concentrato di liquami e oli fumanti di vario tipo", che è stato riversato nelle acque del lago d'Iseo lo scorso sabato mattina e nella giornata di domenica: è quanto denuncia Legambiente Basso Sebino, con una nota del presidente Dario Balotta.

Per l'associazione ambientalista si tratta di "scarichi fognari e scarichi industriali illeciti mescolati assieme, che hanno inquinato gravemente tutto l'alto lago d'Iseo. Si tratta del più grande inquinamento del Sebino degli ultimi anni".

Lo sbarco dei detenuti sul Lago di Iseo:
«Liberi a Montisola»

La chiazza scura sarebbe arrivata a misurare tre chilometri in lunghezza e 200 metri di larghezza. "Visto il ripetersi di questi gravi inquinamenti - scrive Balotta - provvederemo a fare un esposto alle autorità competenti".

"Due sono le questioni urgenti da affrontare per l' associazione ambientalista - si legga nella nota - La prima riguarda il mal funzionamento delle nuove strutture fognarie di Pisogne dopo gli interventi costati centinaia di migliaia di euro. La seconda riguarda la grave e colpevole sottovalutazione di queste problematiche da parte dei sindaci e dell'Arpa". Per Legambiente serve una vigilanza attiva sul lago, per questo chiede il ritorno della motovedetta dei carabinieri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago d'Iseo: una macchia di liquami lunga 3 km e larga 200 metri

BresciaToday è in caricamento