menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Ripescate dalle acque del lago migliaia di bombe inesplose

In pochi giorni già recuperati oltre 2000 ordigni: ma nei dintorni dell'isola di Trimelone, a largo di Brenzone, ce ne sarebbero ancora migliaia. Fino a settembre i lavori di bonifica di Esercito e Marina

L'effetto pratico della "grande esplosione del 1954": l'isola, ormai da tempo abbandonata, era stata una polveriera militare negli anni della guerra. Sopra (e anche sotto) c'era davvero di tutto: polvere da sparo, proiettili, bombe a mano, detonatori e altri ordigni mortali.

Molti di quelli già recuperati potrebbero ancora funzionare, carichi di esplosivo. Alcuni sono grandi poco meno di un proiettile, ma sono comunque pericolosissimi. Sono stati catalogati e "allontanati", e fatti brillare in una cava dagli artificieri. Le operazioni proseguiranno fino a settembre. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Coronavirus

Barista decide di non chiudere più: già 20 multe per lui e i suoi clienti

Coronavirus

Festa abusiva tra le mura di casa: 4.400 euro di multa per 11 ragazzi

Coronavirus

Coronavirus: a Brescia 186 casi e 17 morti, i nuovi contagi Comune per Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento