Già 6 morti dopo un tuffo al lago: attenti alla idrocuzione, il killer del bagno estivo

Quattro i morti sul Garda, due sul Sebino: estate nerissima per i laghi bresciani

La strage infinita, nei laghi bresciani: sono già sei i morti, dal giugno scorso. L'ulimo solamente domenica sera: il giovane Mohamed Ghazi, annegato a largo della spiaggia delle Palafitte di Sulzano sotto gli occhi attoniti della sorella. Il primo nel giugno scorso, sul Garda: la vittima il polacco Darius Pawlusz, 48 anni e tra l'altro esperto subacqueo. Tradito da un malore.

Non sempre è colpa della corrente, o delle “trappole” dell'acqua. Anzi, spesso la colpa è involontaria, è dovuta alla reazione del corpo umano quando è troppo accaldato, e l'acqua è troppo fredda. Il meccanismo, che appunto può essere anche mortale, si chiama “idrocuzione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'idrocuzione, spiega il dizionario Treccani di Medicina, è una sincope da immersione rapida in acqua, specialmente fredda, caratterizzata da riflessi neurovegetativi che possono causare anche morte per arresto cardiorespiratorio o annegamento. Il meccanismo comincia con una vasocostrizione, che a sua volta provoca riflessi a livello di tronco dell'encefalo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in 20 giorni sono morti tre fratelli

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Addio a mamma Susanna, caporeparto: il supermercato ha chiuso per lutto

  • Brescia sprofonda di nuovo nell’incubo: 315 nuovi casi e 57 morti in 24 ore

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 5 aprile 2020

  • Coronavirus, cresce la mobilità in Lombardia: "Si spostano decine di migliaia di persone"

Torna su
BresciaToday è in caricamento