Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Ragazzo muore sul lavoro: 2 ditte bresciane indagate per omicidio colposo

Secondo il Pm le due società avrebbero tratto vantaggio, e risparmiato denaro, non mettendo a disposizione dei lavoratori gli idonei mezzi di protezione

Avrebbero risparmiato denaro non mettendo a disposizione idonei mezzi di protezione. Non solo: gli operai sarabbero entrati in cantiere senza aver seguito corsi di formazione. Per questo il procuratore di Milano Maura Ripamonti ha iscritto nel registro degli indagati i due datori di lavoro e di Klodian Elezi, 21enne di origini albanesi residente a Chiari, morto l’11 aprile scorso in un cantiere. Iscritti al registro degli indagati anche i due responsabili di cantiere.

L'incidente è avvenuto lo scorso 11 aprile nel cantiere della Tangenziale Est Esterna di Milano. Il giovane era caduto da un ponteggio di dieci metri che era privo di parpetti. Nei guai la Iron Master Srl, società che operava come subappaltatrice dell'affidataria Vezzola Spa.

Devono rispondere del reato di omicidio colposo in concorso. Coinvolte anche le società titolari del cantiere, per illecito amministrativo. «Entrambe — secondo quanto scritto dal Pm — avrebbero tratto vantaggio, e risparmiato denaro, non mettendo a disposizione dei lavoratori gli idonei mezzi di protezione».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzo muore sul lavoro: 2 ditte bresciane indagate per omicidio colposo

BresciaToday è in caricamento