La parabola discendente di Joe Yellow: dalla disco all'eroina

Negli anni '80 le sue hit facevano scatenare i giovani sul dance floor. Domenico Ricchini, in arte Joe Yellow, nei giorni scorsi è stato fermato dai Carabinieri di Artogne con due dosi d'eroina.

Joe Yellow

Nei ruggenti anni '80 riempiva le pagine delle riviste di musica e gli schermi televisivi. La sua voce e la sua musica  passavano nelle radio e nelle discoteche. Joe Yellow conobbe i fasti degli anni ruggenti, come esponente di spicco della dance made in Italy. Era noto anche oltre i nostri confini e le sue hit spopolavano nel Nord Europa. Un ragazzo belloccio dal nome anglosassone, un “prodotto” ben piazzabile dalle major discografiche.

Tramontata l'epoca della dance alla Den Harrow e Jock Hattle, Domenico Ricchini è scomparso dalle hit parade ed è finito nei guai. Nei giorni scorsi, come riporta il Corriere della Sera, è infatti, stato “beccato” dai Carabinieri di Artogne con due dosi di eroina (la polvere bianca non è mai scomparsa dalle scene e, pari, anzi essere tornata in voga tra i giovani).  Immediate sono scattate le manette e l'arresto è stato convalidato dal tribunale di Brescia.

L'ex star della Italo Disco è stata, però scarcerata ed è potuta tornare a casa e alle serate in discoteca che continua a fare,  seppur con minor frequenza rispetto agli anni '80.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento