"Je suis Charlie", il pugno chiuso del neonato contro i terroristi

"Je suis Charlie": la foto pubblicata su Instagram

Si diffondono in tutto il mondo i messaggi e le manifestazioni di solidarietà contro la strage del giornale satirico Charlie Hebdo. Sabato, in centro a Brescia, la Lega distribuirà le vignette incriminate "per rispondere a chi vuole soffocare la libertà di espressione in nome della Jihad".

Ma una dura condanna arriva anche dal presidente della Moschea bresciana, Hassan Fakharani: "Condanniamo senza se e senza ma ogni tipo di violenza: l'Islam non accetta l'omicidio, questi attacchi finiscono per danneggiare anche le tante persone per bene della nostra comunità".

Intanto, sul web, in pochi minuti è diventata virale la foto pubblicata su Instagram da una mamma francese: "Je suis Charlie", lo slogan ormai da tutti conosciuto, è stato scritto sulla fascetta del suo bimbo appena nato. Il pugno chiuso in segno di lotta, la lotta per la libertà contro il medioevo del fanatismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

Torna su
BresciaToday è in caricamento