Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Lago d’Iseo: la Goletta di Legambiente trova 2 spiagge fortemente inquinate

Seconda tappa dell’edizione 2018 di Goletta dei laghi sul Lago d’Iseo

Si è conclusa la seconda tappa dell’edizione 2018 di Goletta dei laghi sul Lago d’Iseo, la campagna di Legambiente realizzata in collaborazione con il CONOU – Consorzio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati – e Novamont, che da 13 anni attraversa l’Italia per monitorare la qualità delle acque, degli ecosistemi e dei territori lacustri. Questa mattina sono stati resi noti i risultati delle analisi microbiologiche dei campioni prelevati nel Lago d’Iseo.

Il lavoro della Goletta si è concentrato su due fronti principali di indagine: quello delle microplastiche sulle spiagge e in acqua e quello dell’inquinamento microbiologico. Per quanto riguarda il primo fronte, dal 3 luglio, data in cui hanno avuto inizio i monitoraggi, hanno lavorato 10 tecnici, per un totale di circa 20 ore di campionamento. In particolare, sono stati 4 i punti monitorati intra-lago alla ricerca delle microplastiche: Lovere, Marone, Predore e tra Sale Marasino e Peschiera Maraglio per un totale di 5,7 km. Inoltre il lavoro dei tecnici ha riguardato anche un’area di 75 mq nelle spiagge di Pisogne (BS) e Marone (BS) e 4 ponti, tra cui Foce Oglio, Costa Volpino, Calepio e Paratico.

LE ANALISI IN DETTAGLIO

Per quanto riguarda le analisi del microbiologico, rispetto allo scorso anno, i punti campionati sono stati ridotti al fine di concentrare le analisi su foci e canali “malati cronici”. Nel complesso, su 7 punti monitorati, 2 sono risultati fortemente inquinati, 1 inquinato e 4 entro i limiti.

Sulla sponda bresciana tutti e tre i punti campionati sono fuori dai limiti di legge e confermano il trend negativo degli scorsi anni. Risulta inquinato da batteri fecali il campione prelevato presso la foce del torrente Calchere nel comune di Sulzano e fortemente inquinati i campioni prelevati presso Darsena di Pisogne e Peschiera di Monte Isola.

Mentre sulla sponda bergamasca i punti campionati risultano tutti entro i limiti. Per quanto riguarda la foce del fiume Oglio e la foce del torrente Borlezza, a differenza dello scorso anno, risultano entro i limiti di legge.

“Tutti gli anni ci ritroviamo a rilevare le stesse criticità sul lago d’Iseo, anche se qualche timido segnale di discontinuità col passato è stato rilevato. Ma prima di ritenerci soddisfatti dei risultati positivi riscontrati sulla sponda bergamasca, ci riserviamo di effettuare ulteriori controlli nelle prossime edizioni di Goletta. – ha commentato Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia – I risultati sulla sponda bresciana, invece, continuano a destare preoccupazione. Per questo motivo abbiamo deciso di presentare degli esposti alle autorità competenti, al fine di porre sotto i riflettori i punti risultati storicamente fuori dai limiti di legge. La segnalazione di queste situazioni e la richiesta d’intervento alle autorità competenti sono, infatti, tra gli obiettivi principali del nostro monitoraggio”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago d’Iseo: la Goletta di Legambiente trova 2 spiagge fortemente inquinate

BresciaToday è in caricamento