Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Ha cercato di difendersi, uccisa da otto coltellate: così è morta Nadia

I risultati dell'autopsia a poche ore dall'interrogatorio di convalida di Abderrhaim El Moukthari, il marocchino di 54 anni accusato dell'omicidio di Nadia Pulvirenti. La ragazza è stata uccisa con 8 coltellate

Non ci sarebbe motivo, per quel raptus omicida. Quello che l'ha portato a uccidere con tale violenza una ragazza tanto giovane, che tra l'altro da qualche tempo era pure la sua terapista. Non c'era nessuno, quella mattina in quella stanza: alle 11 sarebbero state le grida di Nadia a spezzare l'inerzia di una giornata che mai nessuno avrebbe pensato potesse finire così.

El Moukhtari è in Italia da circa 20 anni: ha fatto il muratore e in giardiniere. Da un decennio era in cura alla Cascina Clarabella, comunità di riabilitazione psichiatrica in cui trovano posto una ventina di pazienti. Una volta portato in caserma, pare fosse completamente inconsapevole della sua furia assassina: “Voglio tornare a chiederle scusa”, avrebbe persino detto ai militari.

La vita della comunità continua, anche se le facce tristi potrebbero rimanere tristi per sempre. In attesa dell'esito dell'interrogatorio di convalida, emergono nuove indiscrezioni sulle prima dichiarazioni del presunto omicida. Non avrebbe confessato, ma avrebbe ammesso di voler “pagare” per quello che ha fatto. Anche se in prima battuta aveva detto di non ricordarsi nulla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha cercato di difendersi, uccisa da otto coltellate: così è morta Nadia

BresciaToday è in caricamento