Martellate al commercialista, poi si infila il trapano nell’orecchio per cercare di farla finita

Un mix di dolore - per la scomparsa del compagno - e rabbia - per l’eredità - alla natura dell’aggressione compiuta da un 50enne, ora ricoverato in gravi condizioni al pari del commercialista.

Una storia di dolore e tristezza, sfociata in tragedia. Protagonista un 50enne di Inzino, frazione di Gardone Val Trompia, colpito una settimana fa dal lutto che lo ha privato del compagno di una vita. La vittima invece è un commercialista 51enne di Iseo, che nella mattina di ieri, sabato 20 maggio, si trovava nell’abitazione del suo aggressore per discutere dell’eredità. 

Erano le dieci di mattina quando i residenti del quartiere Marcolini sono stati allarmati dalle grida disperate del commercialista che, col volto trasformato in una maschera di sangue, è uscito dall’abitazione del 50enne in cerca d’aiuto. Dopo aver suonato ai campanelli di alcune abitazioni, l’uomo si è sdraiato su una panchina del parco del Mella - dove c’erano anche alcuni bambini - in attesa dei soccorsi. 

Mentre i sanitari giunti a bordo di due autoambulanze e di un elicottero soccorrevano il commercialista, ferito da alcune violente martellate al volto e al capo, i carabinieri Nucleo radiomobile della compagnia di Gardone Val Trompia sono riusciti a interrogarlo, ed a scoprire l’identità dell’aggressore. Una volta entrati nella sua abitazione, i militari hanno trovato il 50enne a terra in un lago di sangue: l’uomo dopo aver preso a martellate il commercialista avrebbe tentato di farla finita infilandosi un trapano in un orecchio. 

I feriti sono stati trasportati all’ospedale Civile (l’aggressore) e in Poliambulanza (il commercialista, in prognosi riservata). Nel frattempo i militari hanno cercato, sentendo anche i residenti del quartiere, di ricostruire il clima nel quale è nata la vicenda: solo una settimana fa l’evento che ha scatenato tutto, la morte di un 73enne, compagno di vita dell’aggressore. Il lutto avrebbe gettato nella disperazione il 50enne, disperazione aggravata dalla difficoltà nella gestione delle pratiche per l’eredità, delle quali si stava occupando il commercialista. Saranno i carabinieri a dover cercare di risalire ai motivi che hanno fatto litigare i due. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescava quintali di cocaina dall'oceano, poi li portava a Brescia per lo spaccio

  • Una famiglia distrutta per la morte di Matteo: lo piangono i genitori e la sorella

  • Brutta sorpresa dopo lo shopping: auto sparite fuori dal centro commerciale

  • Ragazzo morto sull'auto in fuga: il caso è chiuso, via libera al funerale

  • Perde la sua battaglia contro il cancro, mamma Federica muore a soli 37 anni

  • Incidente stradale in scooter, morta la 39enne Rachele Marino

Torna su
BresciaToday è in caricamento