Cronaca

Rotonde contromano, semafori 'bruciati': la folle fuga in auto finisce in un campo

Un marocchino di 36 anni è stato denunciato a piede libero per il reato di evasione, dopo non essersi fermato allo alt della polizia.

Foto d'archivio

Folle inseguimento nella notte a Gambara: un marocchino di 36 anni è stato denunciato a piede libero per il reato di evasione, dopo non essersi fermato a un posto di blocco. Operaio, in regola con il permesso di soggiorno, era in regime di detenzione domiciliare per spaccio di droga.

La sera di mercoledì 14 aprile, l’uomo stava circolando per le strade di Gambara a bordo della sua Fiat Bravo. Si è imbattuto nei carabinieri che, dopo averlo riconosciuto, hanno provato a fermarlo con un normale posto di blocco. Il malvivente ha però effettuato un testacoda ed è fuggito a tutta velocità, attraversando incroci con il semaforo rosso e percorrendo rotonde contromano. L’inseguimento del fuggitivo si è concluso poco dopo in un campo agricolo: prontamente perquisito, i carabinieri gli hanno trovato addosso un grammo di cocaina.

L’uomo è stato ricondotto al proprio domicilio: dovrà rispondere del reato di evasione, gli sarà ritirata la patente e dovrà pagare una multa di 5000 euro, frutto di tutte le infrazioni commesse alla guida.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rotonde contromano, semafori 'bruciati': la folle fuga in auto finisce in un campo

BresciaToday è in caricamento