Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incidente a Gavardo, morto 18enne: il video su Instagram dell'amico

Terribile schianto a Soprazocco di Gavardo: un 18enne che abita in zona è morto in ospedale a seguito delle gravissime ferite riportate. L'amico al volante ha fatto una 'diretta' Instagram dal camion dei pompieri

 

Ancora sangue sulle strade bresciane: un ragazzo di appena 18 anni, residente a Soprazocco di Gavardo, è morto nella notte in ospedale a seguito delle gravi ferite riportate mercoledì sera, poco prima delle 21 e proprio a Soprazocco. Era a bordo della Fiat Seicento guidata da un amico, di un anno più grande.

Stando alla prima ricostruzione effettuata dalla Polizia Stradale, pare che il 19enne alla guida (abita a Polpenazze del Garda) abbia portato a termine qualche “sgommata” e qualche manovra azzardata prima di schiantarsi con violenza contro un cipresso, sulla strada davanti al cimitero. Sono stati proprio i residenti, allertati dal frastuono, a dare l'allarme al 112: in pochi minuti sul posto, oltre alla Polstrada, c'erano anche i Vigili del Fuoco di Salò e le ambulanze dei volontari dell'Anc della Valle del Chiese e del Van di Nuvolento.

Una story su Instagram dopo l'incidente

Il 19enne alla guida si sarebbe anche allontanato dal luogo dell'incidente, forse frastornato dopo le botte subite. Praticamente illeso, è stato rifocillato dai Vigili del Fuoco in attesa dell'ambulanza che l'ha poi trasportato in ospedale, alla Poliambulanza (dove è stato ricoverato in codice giallo). A bordo del camion dei pompieri il ragazzo alla guida ha registrato e pubblicato una story su Instagram.

“Sono ancora qua, sono sopravvissuto – dice il giovane classe 2000 – Gli amici di Polizia e Vigili del Fuoco mi hanno aiutato, e io li rispetto. Perché loro fanno un lavoro che merita rispetto, con tutto il mio cuore”. Erano invece gravissime le condizioni dell'amico che era con lui in auto. Ricoverato in codice rosso all'ospedale di Gavardo, non ha superato la notte. Ha esalato il suo ultimo respiro solo poche ore fa.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BresciaToday è in caricamento