rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Incidenti stradali

Il dramma di Angelo: morto in un tragico incidente a pochi passi da casa

Intrappolato tra le lamiere del tir che guidava: per lui non c'è stato più nulla da fare

È morto tra le lamiere accartocciate della cabina del tir che guidava, a pochi passi dall'abitazione dove viveva con la compagna. È il tragico destino di Angelo Zenoni: aveva 55 anni ed abitava a Ranzanico (in provincia di Bergamo) a soli cinque minuti dal luogo dove il mezzo pesante, che trasportava casse di acqua, si è ribaltato per cause da chiarire.

Zenoni era da poco uscito di casa quando, verso le 5.20 di oggi (venerdì 17 febbraio) ha perso il controllo del tir lungo un rettilineo della Statale 42 che collega la Valcamonica alla Valcavallina. La cabina del mezzo pesante è uscita di strada, finendo in un dirupo, mentre il rimorchio si è ribaltato occupando entrambe le carreggiate. 

L'allarme è scattato da Endine Gaiano (comune della Bergamasca): sul posto sono state inviate un'automedica e un'ambulanza, mentre da Brescia si è alzato in volo l'elisoccorso. Inutili purtroppo gli sforzi dei sanitari: non hanno potuto far altro che dichiarare il decesso del 55enne.

Zenoni avrebbe fatto tutto da solo, sbandando improvvisamente forse a causa di un malore o di un colpo di sonno. Il pubblico ministero non ha disposto l’autopsia sul corpo della vittima: nelle prossime ore la salma verrà restituita ai parenti. 

La Statale 42 è stata chiusa al traffico - in entrambe le direzioni di marcia - per consentire le delicate operazioni di rimozione del tir. Il traffico è andato in tilt per tutta la mattinata, e oltre: lunghe code e rallentamenti si sono registrati sia verso Bergamo, sia in direzione del Tonale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il dramma di Angelo: morto in un tragico incidente a pochi passi da casa

BresciaToday è in caricamento