Terribile frontale mentre torna a casa dal lavoro: Mario è morto in ospedale

Non ce l'ha fatta Giovan Maria Rossini, l'artigiano di 71 anni che il 16 gennaio scorso era rimasto vittima di un incidente: è morto in ospedale

Foto d'archivio

Ha raggiunto la sua amata moglie Giuseppina, scomparsa ormai da più di 10 anni: è morto in ospedale Giovan Maria Rossini, il noto artigiano edile di Roccafranca (che tutti conoscono come Mario) che meno di un paio di settimane fa – il 16 gennaio – era rimasto vittima di un terribile incidente stradale a Calvenzano, in provincia di Bergamo. E' spirato nel fine settimana al Giovanni XXIII di Bergamo, l'ospedale in cui era ancora ricoverato.

I funerali saranno celebrati mercoledì pomeriggio, alle 14.30 nella chiesa parrocchiale del paese: il corteo funebre partirà solo pochi minuti prima dalla sua abitazione di Via Martin Luther King, dove nel frattempo è stata allestita anche la camera ardente.

Il maledetto incidente mentre tornava dal lavoro

Molto conosciuto in paese, e non solo, nonostante fosse già il tempo di una meritata pensione, Rossini continuava a lavorare. Anche in quel maledetto giovedì, il giorno dell'incidente, stava tornando a casa dopo una giornata di lavoro. Era a bordo della sua Volkswagen Golf insieme ad un amico, fortunatamente rimasto ferito solo in modo lieve, sulla Strada provinciale 185 in territorio di Calvenzano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Improvvisamente la sua auto avrebbe sbandato, schiantandosi frontalmente con un'altra vettura che viaggiava in senso opposto. Impatto violentissimo, e inevitabile: Rossini era stato trasferito d'urgenza in ospedale, in gravi condizioni, ma sembrava essersi stabilizzato. Invece con il passare dei giorni la situazione è peggiorata, fino al tragico epilogo. Grande appassionato di calcio, era tifoso della Fiorentina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Terribile incidente: precipita elicottero, morto dirigente d'azienda

  • Coronavirus, 177 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento