Schiacciato dalla sua auto sotto gli occhi della fidanzata: muore a 21 anni

Una tragedia assurda: è morto schiacciato dalla sua stessa auto il 21enne Riccardo Taroli di Prevalle. Il terribile incidente lunedì pomeriggio a Binzago di Agnosine

Una tragedia assurda, sotto gli occhi attoniti della fidanzata ancora minorenne: sono bastati pochi attimi a Roberto Taroli per essere travolto, schiacciato e ucciso sul colpo dalla sua Volkswagen Golf che era rimasta impantanata nel fango, nelle campagne di Binzago di Agnosine. Insieme a Serena, la fidanzata 17enne, stava raggiungendo la casetta di legno, in località Cornal, costruita dal nonno della ragazza, dove quest'ultima stava passando qualche giorno di relax – appena finita la scuola – in compagnia delle amiche.

Impantanati nel fango a due passi dalla casetta

I due avevano già percorso quella strada, solo poche ore prima: erano andati a fare la spesa. E poi ancora nei giorni addietro, quando insieme si erano messi a tinteggiare la casetta. Qualcosa è andato storto in un maledetto pomeriggio di giugno: sono circa le 16.30 quando la Golf di Taroli, 21 anni, resta impantanata nel terreno colmo di fango dopo le piogge di questi giorni.

Lui rimane a bordo, e chiede alla ragazza di scendere e cominciare a spingere. L'auto non va avanti, ma comincia a slittare. In quella strana carambola finisce incastrata tra due alberi. Il giovane prova a scendere per cercare di risolvere la situazione. Ma l'auto continua a slittare per diversi metri, e lo travolge di peso senza lasciargli scampo.

La fidanzata sotto shock trova la forza di chiamare aiuto

E' la sua fidanzata, anche se sconvolta dall'accaduto, a trovare la forza e il coraggio di chiamare aiuto. In pochi minuti sul posto si precipita un'ambulanza dei volontari di Odolo, mentre in cielo viene fatto levare l'elicottero, decollato la Brescia. Niente da fare: Riccardo è morto sul colpo, e i medici non possono fare altro che constatarne il decesso. La giovane si sente male, inevitabile: verrà ricoverata in ospedale a Gavardo per lo shock.

I rilievi sono stati affidati ai carabinieri di Sabbio Chiese, la salma riposa in obitorio a disposizione dell'autorità giudiziaria. Come detto aveva solo 21 anni, e tutta la vita davanti: abitava a Prevalle con la sua famiglia. Molto conosciuto in paese, e non solo, da un paio d'anni lavorava alla Ivars, storica azienda del paese. Si era diplomato all'Itis Benedetto Castelli di Brescia, poi aveva subito cominciato a lavorare anche grazie ai suoi ottimi voti. 

Il triste album dei ricordi, la dedica della sua squadra

Su Facebook e su Instagram scorrono rapidi i ricordi: la musica, le serate con gli amici, una serie infinita di sorrisi, ora congelati nell'eternità di quelle fotografie. Grande appassionato di calcio, come tutti alla sua età, era uno sfegatato tifoso del Milan: si dilettava anche sui campi della provincia, indossando la maglia del Manerba Calcio, di Terza Categoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Vola in cielo piccolo angelo – scrive la società in una breve nota – Il tuo sorriso e la tua voglia di fare ti hanno sempre contraddistinto. Te ne sei andato troppo presto. Quanto è infame la vita. Noi non ti dimenticheremo mai. In questi tre anni hai sempre lottato per la nostra maglia, e adesso continuerai a farlo da lassù. Ciao Robi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento