rotate-mobile
Incidenti stradali Sale Marasino

Travolto e investito sulla Provinciale: così è morto Roberto, aveva solo 23 anni

Il dramma si è consumato in Via Provinciale

Il dramma che è costato la vita a Roberto Gigola, 23 anni, si è consumato mercoledì pomeriggio alle 17.15 in Via Provinciale a Sale Marasino, la litoranea che costeggia il lago d'Iseo, a due passi dal porto commerciale: il giovane era in sella alla sua moto Ktm quando, a fronte di un rallentamento, avrebbe urtato con lo specchietto un furgone Ford Transit. Seppure a bassa velocità, è caduto dalla moto ed è finito sulla corsia opposta di marcia: ma proprio in quel momento transitava una Kia Sportage, che l'ha travolto e investito. Niente da fare: Roberto è morto sul colpo.

Sarebbe questa, grossomodo, la dinamica dell'ennesimo pomeriggio di sangue sulle strade bresciane. I rilievi sono stati affidati ai carabinieri, anche se ormai sembra chiaro cosa sia successo. La strada è rimasta chiusa a lungo - non pochi i disagi - per permettere le operazioni di soccorso e messa in sicurezza. Illesi i conducenti del furgone e della Kia: per Roberto, come detto, non c'è stato niente da fare.

Una vita spezzata troppo presto

Una volta ricevuto l'allarme, la centrale operativa di Areu ha inviato sul posto un'ambulanza della Croce Rossa di Palazzolo e dei volontari di Sale Marasino, oltre all'elicottero decollato da Brescia. La salma del povero Roberto Gigola è stata trasferita all'obitorio dell'ospedale, a disposizione dell'autorità giudiziaria: già nelle prossime ore è attesa la data dei funerali. 

Classe 1999, aveva compiuto 23 anni nel marzo scorso: grande appassionato di sport, era tifoso della Juventus e giocava come portiere nella squadra del paese. Altre sue grandi passioni: la moto e la musica, poco più di un mese fa aveva partecipato al Firenze Rocks. Lascia nel dolore i genitori Ivonne e Agostino, il fratello Cristian.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travolto e investito sulla Provinciale: così è morto Roberto, aveva solo 23 anni

BresciaToday è in caricamento