Pasticcere travolto da un'auto pirata: si è costituita la donna al volante

L'automobilista, una 51enne di Peschiera del Garda, si è presentata dai carabinieri insieme al suo legale

Il momento dell'incidente, ripreso dalle telecamere di un negozio di elettrodomestici (fonte Facebook)

Caccia finita: la persona al volante della Fiat Panda che, lo scorso venerdì mattina, ha travolto il pasticciere rezzatese Alessandro Filippini si è spontaneamente recata dai carabinieri. Le immagini dell'incidente avvenuto a Rezzato avevano fatto il giro della rete: forse proprio per questo l'automobilista - una donna di 51 anni residente a Peschiera del Garda - è andata in caserma (a Verona) e, accompagnata da un avvocato, ha ammesso le sue responsabilità.

Immagini drammatiche, quelle riprese dalle telecamere di un negozio di elettrodomestici che si affaccia su via Matteotti, e poi diffuse in rete. Filippini era appena uscito dall'edicola, inforcando la sua bicicletta per andare alla pasticceria Dolce Angolo che gestisce, quando è stato travolto alle spalle dalla Panda Nera.

La 51enne non si era fermata, ma aveva tirato dritto, per poi immettersi in una strada laterale e accelerare: era stata una passante a soccorrere per prima il pasticcere, che per fortuna non ha rimediato gravi traumi: solo qualche microfrattura alle mani e ai piedi. 

Si rimetterà e presto tornerà a sfornare le prelibatezze per cui è famoso e amato in paese. Nel frattempo si gode il caloroso affetto dei suoi compaesani: sono centinaia i messaggi di auguri di pronta guarigione piovuti sui social network nelle scorse ore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento