Incidenti stradali Rezzato

Cinque ragazzi morti nell'incidente: nessuno di loro aveva la patente

Il dramma sulla Ss45bis: stavano andando a Brescia dopo aver mangiato lo spiedo con gli amici

Stavano andando a Brescia, per passare una serata insieme, i 5 ragazzi morti nel tragico schianto di sabato sera a Rezzato, lungo la Strada statale 45bis. Secondo quanto ricostruito ad oggi dagli agenti della Polizia Stradale di Salò, intervenuti per i rilievi, non ci sarebbero dubbi sulla dinamica: dopo una curva, all'altezza del km 48+600, la Volkswagen Polo che li trasportava avrebbe improvvisamente sbandato sulla corsia opposta di marcia, proprio mentre in quel momento stava transitando un pullman turistico (vuoto) della Caldana di Toscolano Maderno, guidato da un 58enne rimasto praticamente illeso.

Morti sul colpo

Sono invece morti sul colpo tutti e 5 i ragazzi: la 17enne Irene Sala, di Villanuova sul Clisi; i cugini Imad Natiq e Salah Natiq di 20 e 22 anni, quest'ultimo probabilmente alla guida della vettura, il 19enne Dennis Guerra di Sabbio Chiese, il 20enne Imad El Harram di Preseglie. Le salme sono state ricomposte agli obitori del Civile e dell'ospedale di Gavardo e domenica pomeriggio già consegnate ai familiari, non appena è arrivato il nulla osta della magistratura.

L'auto di un amico

Dalle indagini nel frattempo sono emersi nuovi particolari. Tra questi il fatto che nessuno di loro, tra i maggiorenni, avesse ancora la patente: nemmeno il ragazzo che si presume fosse alla guida. A quanto pare si sarebbero fatti prestare la macchina da un amico di Casto, che li stava seguendo a poca distanza a bordo di un'altra vettura. Tutti insieme avevano passato una giornata spensierata, mangiando uno spiedo in compagnia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque ragazzi morti nell'incidente: nessuno di loro aveva la patente
BresciaToday è in caricamento