Le lacrime per Stefano: "Ciao, vado a fare un giro", le sue ultime parole

Gardone Riviera in lutto per la scomparsa di Stefano Segala,la vittima del terribile incidente avvenuto in galleria a Gavardo, nella notte tra giovedì e venerdì

Stefano Segala

“Ciao vado a fare un giro in macchina. Buonanotte”. Stefano Segala aveva salutato così la famiglia, poco prima della mezzanotte di giovedì, ed era uscito con la vecchia Bmw di papà Ruggero. Qualche ora trascorsa in città con gli amici, poi il viaggio di ritorno verso casa, l'abitazione di in via Castello a Gardone Riviera. Proprio sulla strada di casa Stefano ha trovato la morte, in seguito al drammatico incidente avvenuto nella galleria San Biagio (FOTO) tra Gavardo e Villanuova. 

Secondo le ricostruzioni effettuate dalla stradale di Salò e di Darfo, il 20enne avrebbe sbandato ed in invaso l'opposta carreggiata schiantandosi contro un camion. Stefano è morto sul colpo, prima che si scatenasse l'inferno di fuoco nella galleria.

La  famiglia Segala era tornata a vivere a Fasano di Gardone una decina d'anni fa. Papà Ruggero, 56 anni, si era infatti trasferito in Germania per lavoro e lì ha conosciuto la moglie Rueza. La coppia ha avuto quattro figli: Marina, dell´88;  Stefano, del ´95; Andreas, studente all´Alberghiero, e Nicola, che frequenta la Scar di Villanuova.

Stefano era appassionato di motori, come documenta la sua pagina Faecebook e anche lui ha frequentato l´istituto professionale che indirizza verso un mestiere pratico, scegliendo il corso di meccanica. Ma ha lasciato le aule dopo un anno per cercare lavoro.

La drammatica notizia della scomparsa di Stefano è arrivata in un giorno di gioia per la famiglia Segala: Marina, la figlia maggiore, che risiede in Germania, era appena tornata a Fasano per trascorrere le vacanze con la famiglia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento