rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Incidenti stradali Rezzato

Dolore e lacrime per Matteo, morto in un tragico schianto in moto

Sabato mattina il funerale di Matteo Attianese, lo chef di 40 anni morto in un incidente stradale in Thailandia.

Domani sarà il giorno più difficile per Rezzato: tutto il paese darà l'ultimo saluto a Matteo Attianese, lo chef morto a soli 40 anni in un drammatico schianto in moto a Pattaya, cittadina della Thailandia dove si era trasferito due anni fa, per gestire un ristorante.

L'urna funeraria è arrivata a Rezzato mercoledì sera: sabato mattina, alle 8.30, i genitori, il fratello e i tanti, tantissimi amici gli diranno per sempre addio nella chiesa del Santuario della Madonna di Valverde. Decine di persone sono attese per il funerale, così come tantissime hanno partecipato alla raccolta fondi organizzata dagli amici ed ex colleghi della nota pizzeria rezzatese Cascina  dei Sapori - dove Attianese aveva lavorato per molti anni - per sostenere le spese delle esequie e del rientro delle ceneri.

In questi giorni sono stati centinaia i messaggi di cordoglio e le testimonianze di vicinanza: tutta la comunità si è stretta attorno ai familiari del 40enne e allo staff della rinomata pizzeria rezzatese, duramente provato dalla prematura e improvvisa morte di Matteo: “Una figura che per anni ha ricoperto un ruolo importante alla Cascina dei Sapori – aveva fatto sapere lo chef Antonio Pappalardo, a nome di tutto lo staff – e che ha contribuito fortemente alla crescita e alla fama del locale. Siamo di fianco alla famiglia e desideriamo esprimere le nostre più sentite condoglianze”. Era molto noto nel modo della ristorazione: aveva lavorato anche a Londra, in un locale dello chef televisivo Gordon Ramsey. 

All'origine del tragico incidente - avvenuto lo scorso 11 maggio - ci sarebbe un malore improvviso. Così ha stabilito l'autopsia effettuata dalle autorità thailandesi. Attianese è morto poco dopo la mezzanotte e mezza, ora locale, sulla Jomtien Road, nel distretto di Non Pruea:  era a bordo del suo scooterone Yamaha Nmax , quando ha perso il controllo del mezzo a due ruote, in curva, e si è schiantato contro un palo della luce. Per lui non c'è stato più nulla da fare. Una vita spezzata tropo presto, in pochi tragici istanti. Un destino crudele ha messo per sempre fine ai tanti progetti e sogni coltivati dal 40enne, che tutti ricordano per la generosità, la disponibilità e l'intraprendenza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dolore e lacrime per Matteo, morto in un tragico schianto in moto

BresciaToday è in caricamento