menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marco e Alessandro, tra sogni e ricordi: due giovani vite spezzate troppo presto

Morti sul colpo, niente da fare: shock in paese per la morte dei giovani Marco Cioccarelli e Alessandro Giuliani, vittime del terribile incidente di venerdì notte

Un impatto tremendo, che non ha lasciato scampo a nessuno dei due: entrambi sono morti sul colpo. Stavano tornando a casa dopo una serata con gli amici Marco Cioccarelli e Alessandro Giuliani, le vittime del terribile incidente di venerdì notte tra Carzago e Bedizzole. A bordo della Fiat 500 guidata da Cioccarelli, avevano appena imboccato la strada laterale che taglia l'abitato di Carzago, percorrendo prima Via Prati e poi un piccolo tratto di Via Badia, già in territorio bedizzolese.

La dinamica dell'incidente

E' qui che Cioccarelli ha perso il controllo della vettura: la sua auto, subito dopo la curva, ha rischiato di entrare in collisione con il muretto (e la siepe) sulla destra. Il ragazzo alla guida avrebbe dunque fatto di tutto per evitare l'impatto, svoltando tutto a sinistra. L'utilitaria ha però sbandata, si è piegata su di un fianco e ha concluso la sua folle e fatale corsa contro un palo di cemento largo quasi mezzo metro.

Niente da fare, purtroppo: quando i soccorsi sono arrivati, allertati da un automobilista di passaggio, Marco e Alessandro erano già morti. Le salme sono state ricomposte alla camera mortuaria del cimitero di Bedizzole, a disposizione della magistratura: i funerali di Giuliani saranno celebrati lunedì pomeriggio nella chiesa parrocchiale di Santo Stefano, alle 15, quelli di Cioccarelli sono ancora da  fissare. In queste ore infatti verrà eseguita l'autopsia.

Il ricordo degli amici

Tutto il paese si stringe al cordoglio dei familiari. Due vite spezzate troppo presto, ancora una volta. Cioccarelli (detto “Ciocca”) era classe 1989, ma 30 anni ancora da compiere (a settembre): ragazzo solare e disponibile, faceva il meccanico. Sognava presto di trasferirsi nello stabile al piano terra della casa dei suoi, in Vicolo Saetti, per godersi un po' di indipendenza. Lo piangono mamma Luigina e papà Valter, molto conosciuti in paese, e la sorella Sara.

Giuliani era detto “Giulio”: classe 1983, avrebbe compiuto 36 anni tra un paio di mesi. Anche la sua è una storica famiglia bedizzolese, in paese da quasi mezzo secolo: Alessandro abitava in Via Cogozzo di Sotto, insieme a mamma Milena e papà Mario. Oltre un decennio fa si era trasferito per qualche tempo in Sardegna. Circa tre anni fa invece era volato a Tenerife, dove aveva anche gestito un locale. Gli amici della Canarie, insieme a quelli bresciani, lo ricordano con affetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Coronavirus

Covid, sono 51 i Comuni bresciani con dati da zona rossa: l'elenco completo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento