Incidenti stradali

Uccisa sulle strisce pedonali: aveva già perso il marito in un incidente stradale

E' ancora in obitorio la salma di Luciana Avanzi, morta a 72 anni: venerdì pomeriggio è stata investita a Salò, poi è morta in ospedale

Sulla tragedia indaga la Locale di Salò. Nel riquadro Luciana Avanzi

Uniti da un tragico destino, a tanti anni di distanza: Luciana Avanzi, morta in ospedale dopo essere stata travolta sulle strisce pedonali, aveva già perso il marito per un incidente stradale (in moto). Aveva 72 anni: originaria di Manerba, da tempo abitava a Roè Volciano. Nel tardo pomeriggio di venerdì è stata investita in Via Zane a Salò.

Intorno alle 18 è stata travolta dall'auto di un 47enne che l'ha travolta e sbalzata sull'asfalto, su cui ha battuto violentemente la testa. Le sue condizioni sono parse subito gravissime: è stata trasferita d'urgenza al Civile di Brescia, in elicottero, dove purtroppo è spirata solo poche ore più tardi.

I rilievi sono stati affidati alla Polizia Locale: come da prassi, in casi come questi, è stato aperto un fascicolo per omicidio stradale. La salma di Luciana Avanzi riposa in obitorio, a disposizione dell'autorità giudiziaria. Lascia il figlio Stefano, la nuora, una nipotina di soli 2 anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccisa sulle strisce pedonali: aveva già perso il marito in un incidente stradale

BresciaToday è in caricamento