Mercoledì, 23 Giugno 2021
Incidenti stradali

La drammatica testimonianza dell'autista: "Ci è venuto addosso a 150 km orari"

La drammatica testimonianza di Andrea Riccio, l'autista dell'autobus Apam che martedì pomeriggio stava portando a casa una novantina di studenti. Eroe per un giorno: i genitori lo ringraziano pubblicamente

Copyright © Bresciatoday.it

Appena varcata la galleria, i fari: succede tutto in pochi attimi, l'impatto è ormai inevitabile. Il tentativo disperato di sterzare a destra, sperando che lo schianto sia meno violento. Niente da fare: l'auto si sfracella contro il piantone dell'autobus, si accartoccia in una carcassa di lamiere, anche sul pullman esplodono i vetri del parabrezza, il conducente rimane incastrato al posto di guida in una maschera di sangue, una ragazza vicino a lui batte la testa e sviene.

Ricordi nitidi nella drammatica testimonianza di Andrea Riccio, l'autista 40enne di Rodigo, nel Mantovano, dipendente della ditta Apam e a bordo dell'autobus a doppio snodo che nel primo pomeriggio di martedì – poco prima delle 14 – si è visto arrivare a tutta velocità la Fiat Marea guidata da Hicham Mouddane, padre di famiglia di 41 anni di Montichiari, morto sul colpo.

Eroe per un giorno, e non solo: i genitori degli oltre 90 studenti presenti sul bus l'hanno voluto ringraziare pubblicamente, “per aver salvato i nostri ragazzi”. Anche lui ringrazia, e ammette: “L'ho fatto pensando a loro, se qualcuno di loro si fosse fatto male non me lo sarei mai perdonato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La drammatica testimonianza dell'autista: "Ci è venuto addosso a 150 km orari"

BresciaToday è in caricamento