Dramma in autostrada: muore giovane avvocatessa bresciana, colpita da ruota tir

La 31enne era incinta di qualche mese. Con la famiglia stava andando in Puglia

La giovane deceduta

Dramma in autostrada, sull'A14. Una 31enne bresciana, Gloria Duranti, incinta di qualche mese, è morta nel primo pomeriggio di giovedì e ha perso il bambino che portava in grembo, mentre la madre della giovane è rimasta gravemente ferita in un incidente provocato da un Tir sull'autostrada A14 (uscita Val Vibrata).

Per motivi ancora da chiarire e secondo quanto riportato dalle forze dell'ordine, il camion, che procedeva sulla carreggiata nord, ha perso improvvisamente una ruota: lo pneumatico, rimbalzando, è finito sulla carreggiata opposta centrando in pieno un'auto e uccidendo la donna seduta sul sedile del passeggero.

La giovane, una avvocato civilista, viaggiava in auto con il marito e i genitori. Ferita gravemente, ma non in pericolo di vita, la madre della vittima, rianimata sul posto e poi trasferita in codice rosso all'ospedale di Teramo. Illesi invece il marito e il padre.

Da quanto si apprende, la famiglia era diretta in Puglia. Sul posto è intervenuto anche l'elicottero del 118, ma per la giovane e per il bambino che portava in grembo non c'è stato nulla da fare.

Gli agenti della Polizia stradale hanno effettuato i rilievi e dirottato il traffico sulla carreggiata nord, per il tempo necessario al ripristino della carreggiata. Nel tratto fra San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) e Giulianova (Teramo) si sono registrati circa 5 chilometri di coda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Mara è stata uccisa di notte tra i campi, come il padre nel '93

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento