"La vita è ingiusta, eri un esempio": ragazzo morto nell'incidente, genitori disperati

Niente autopsia per il 25enne Giandomenico Piscitelli, morto martedì mattina in tangenziale: a breve è atteso il nullaosta per i funerali. Disperati i genitori, arrivati mercoledì a Desenzano dal Casertano

Giandomenico Piscitelli

E' atteso probabilmente già nelle prossime ore il nulla osta per la sepoltura di Giandomenico Piscitelli, il ragazzo di appena 25 anni di Santa Maria a Vico, provincia di Caserta, morto martedì mattina sulla Sp11, la tangenziale che da Desenzano porta a Peschiera, a poche decine di metri dall'uscita per San Martino della Battaglia e Lugana di Sirmione.

La salma è rimasta a disposizione della magistratura, che non ha richiesto l'autopsia: i genitori sono arrivati a Desenzano del Garda mercoledì mattina, contattati dalla Polizia Stradale cui sono stati affidati i rilievi del caso. Il giovane è morto sul colpo, travolto dal camion rimorchio (da oltre 100 tonnellate di peso) che ha fatto comunque il possibile per cercare di evitarlo, senza riuscirci.

La cronaca della tragedia

Era a bordo della sua Lancia Ypsilon quando, martedì intorno alle 11, ha perso il controllo dell'auto a quanto pare a causa di un malore: forse era già privo di sensi quando ha invaso la corsia opposta di marcia, trovandosi di fronte al camion. Non avrebbe provato né a frenare, né a sterzare: il camionista, un 38enne residente a Iseo, ha svoltato a sinistra ed è finito con il camion in un vigneto, dopo aver sfondato il guard-rail.

Il lavoro e il ricordo degli amici

Illeso il conducente del mezzo pesante, niente da fare invece per il povero Giandomenico: originario del Casertano, dove aveva amici e famiglia, da qualche anno lavorava tra il Garda e il Trentino per la stagione turistica, tra il Lefay Resort di Gargnano e lo Spinale Hotel di Madonna di Campiglio. Tantissimi i messaggi di cordoglio arrivati ai familiari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La vita è ingiusta, soprattutto con le bravissime persone come te – scrive su Facebook l'amico Costantino – Eri un esempio per tutti, riposa in pace”. “Ti piaceva ballare, cantare, tutto ciò che è arte – scrive invece Antonio – Anche per questo eri il numero uno, un ragazzo buono, sensibile e sempre sorridente. Mancherai a tutti noi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

  • Una frenata e poi lo schianto: padre di famiglia muore sul colpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento