Incidenti stradali

Incidente al Galaello: "Bic" non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

Simone Bicelli, l'idraulico 56enne di Calcinato appassionato di motocross e vittima dell'incidente della pista del Galaello di Preseglie, è morto dopo quattro giorni di agonia all'ospedale di Bergamo. Il ricordo della famiglia

Ha perso la vita dopo quattro giorni di lunga agonia il pilota di motocross Simone Bicelli, centauro di 56 anni residente a Calcinato e tra le vittime dell’incidente avvenuto domenica pomeriggio sulla pista del Galaello di Gazzane, in territorio di Preseglie.

Un impatto che ha coinvolto quattro moto e quindi quattro piloti, due dei quali ricoverati in gravi condizioni. Proprio Bicelli - da tutti chiamato semplicemente "Bic" - è quello che più ha pagato la violenza dell’impatto, ricoverato all’ospedale di Bergamo dove alla fine, purtroppo, è spirato a pochi giorni dall’incidente.

Nel corso della gara si era letteralmente scontrato con un altro pilota, rimasto 'bloccato' al termine di una rampa. Bicelli lascia la moglie e la figlia: idraulico di professione ma con la passione per la moto, gareggiava spesso in sella alla sua fedele due ruote, in competizioni amatoriali. E alle sue spalle sempre lo stesso numero di gara, il numero 88.

Il cordoglio della famiglia passa anche da Facebook: "Il Bic ci ha lasciato – scrive proprio la figlia –, non è riuscito a vincere questa gara per la vita. Sempre nel mio cuore. Addio papà”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente al Galaello: "Bic" non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

BresciaToday è in caricamento