Mercoledì, 4 Agosto 2021
Incidenti stradali

Terribile frontale: Kevin non ce l'ha fatta, si è spento in ospedale

È morto al Civile di Brescia il 19enne Kevin Zeni di Desenzano del Garda, vittima di un terribile incidente giovedì pomeriggio a Solferino

Kevin Zeni

Kevin Zeni si è spento in un letto dell'ospedale Civile, a soli 19 anni: nel primo pomeriggio ne è stata dichiarata la morte cerebrale, tenuto in vita solo dalle macchine. Troppo gravi le ferite alla testa riportate nel brutto incidente avvenuto giovedì pomeriggio a Solferino in Via San Martino, la strada che porta a Lonato e Desenzano. Il giovane desenzanese si è schiantato, mentre era in sella al suo scooter, contro un'auto guidata da una donna di 42 anni, che viaggiava nella direzione opposta.

Familiari e amici sconvolti dalla morte di Kevin, fissata la data dei funerali

Il violentissimo frontale intorno alle 17: era stata proprio la donna alla guida della vettura ad allertare il 112. Per cause ancora in corso di accertamento, il giovane Zeni avrebbe azzardato un sorpasso senza accorgersi dell'arrivo dell'auto. Un impatto inevitabile e violento.

I soccorritori erano arrivati in pochi minuti: lo avevano trovato a terra privo di sensi, con traumi evidenti su tutto il corpo e una brutta ferita alla testa. Era stato stabilizzato e intubato, poi trasferito d'urgenza al Civile dove era arrivato poco prima delle 18 ed era stato ricoverato in Rianimazione.

Il sottile filo di speranza a cui erano aggrappati famigliari e amici si è spezzato per sempre nel primo pomeriggio di venerdì,  quando dal Civile è arrivata la tragica notizia: il cuore di Kevin ha smesso per sempre di battere. Tutto il paese faceva il tifo per lui, e non solo. Il 19enne aveva da poco concluso la sua esperienza formativa all'istituto Dandolo di Lonato. Grande sportivo, giocava a calcio fin da quando era bambino: attualmente era in forza alla Pro Desenzano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terribile frontale: Kevin non ce l'ha fatta, si è spento in ospedale

BresciaToday è in caricamento