Ragazzina morta nell'incidente in Vespa: il cugino è ancora in ospedale

Le sue condizioni stanno lentamente migliorando

Serena Sbolli

Il dramma si è consumato la sera del 9 luglio sulla Strada provinciale 386, in territorio di Bordolano (Cremona) e al confine con Quinzano d'Oglio, dove Serena Sbolli - ragazzina di appena 14 anni - è morta sul colpo nel pauroso incidente tra un'auto e una Vespa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In sella con la giovane c'era il cugino di 18 anni, portato in gravissime condizioni all'ospedale Maggiore di Cremona. Il ragazzo è tutt'ora ricoverato, ma finalmente sembra essere fuori pericolo e le sue condizioni stanno lentamente migliorando. Tutto il paese (abita a Cignone) in quest'ultimo mese ha fatto il tifo per lui e per la sua famiglia.

Continuano le indagini per cercare di ricostruire quanto avvenuto quella sera maledetta. Sul caso i carabinieri mantengono il massimo riservo, ma - secondo alcune indiscrezioni de "La provincia di Cremona" - il 33enne di Dello al volante dell'auto, una Fiat Punto, in un primo momento si sarebbe rifiutato di effettuare i test di alcol e droga, ai quali sarebbe poi stato sottoposto coattivamente al pronto soccorso, tramite analisi del sangue. Al momento, il risultato degli esami è stato secretato.

Intanto, per ricordare Serena, a Borgo San Giacomo è stato organizzato un motoraduno nella zona industriale (c'è anche il patrocinio del Comune), in programma a Ferragosto dalle 14 alle 20.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento