Travolta da un'auto pirata, finisce nella corsia opposta: paura per una ragazza

L'incidente attorno alle 20 di sabato sera a Castenedolo: si cerca una Fiat Punto azzurra

Investita da un'auto mentre rincasava in bici e poi sbalzata nell'opposta corsia, proprio mentre sopraggiungeva un'altra macchina. Per fortuna il conducente ha frenato tempestivamente, evitando un secondo impatto che avrebbe potuto avere conseguenze drammatiche per la ciclista: una ragazza di 28 anni.

L'incidente è avvenuto sabato sera, attorno alle 20, all'altezza del supermercato Rossetto di via Brescia a Castenedolo: il (o la) conducente che ha investito la ragazza non si è fermato a prestare soccorso, ma è scappato.

"Ha ingranato la marcia più alta ed è sparito in direzione Castenedolo" scrive una testimone su Facebook. Lei e il marito erano a bordo dell'auto che ha rischiato di travolgere la ciclista dopo il primo urto: sono stati loro a soccorrere la ragazza, ad allertare il 112 e ha fornire una testimonianza decisiva alla Stradale di Montichiari, che indaga sull'accaduto.

Si cerca  una vecchia Fiat Punto di colore azzurro

Ad investire la giovane, che stava rincasando dal lavoro ed era quasi arrivata a casa, sarebbe stata una vecchia Fiat Punto azzurra. Per lei un forte spavento, ma pare nulla di grave, per fortuna.

Al vaglio degli inquirenti ci sono anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona, ma al momento l'automobilista non è ancora stata rintracciato. Chiunque avesse informazioni utili più rivolgersi al distaccamento di Montichiari della Polizia Stradale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento