menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Disarcionato, cade dalla moto: 16enne morto sul colpo

Nessuno scontro, stava percorrendo una lunga strada diritta ed è scivolato, perdendo la vita nella caduta. La moto gli è stata regalata per la promozione in terza superiore.

In un primo momento sembrava che la motocicletta si fosse schiantata contro una macchina, invece Alberto ha fatto tutto da solo, cadendo dalla sua motocicletta e perdendo la vita in un sabato pomeriggio assolato di inizio autunno. Il mezzo lo aveva ricevuto in dono solo pochi mesi fa, per la promozione dalla seconda alla terza superiore. 

Nel pomeriggio di ieri, intorno alle 17, Alberto Nodari, classe 2000, stava tornando da Chiari a bordo della sua moto da cross, una potente Ktm. Si trovava in via Tagliata e viaggiava lungo il rettilineo che conduce su via Chiari quando, per motivi del tutto sconosciuti, ha perso il controllo del mezzo e ne è stato disarcionato. 

I residenti nelle villette lungo la via hanno udito chiaramente il botto: usciti in strada hanno visto il corpo del 16enne steso a terra e la motocicletta infilata sotto l’anteriore di una Volkswagen Passat parcheggiata lungo la strada, a ridosso di una cancellata. Ambulanza ed elicottero sono giunti rapidamente sul posto, purtroppo senza poter strappare alla morte la vita del giovanissimo, deceduto sul colpo. 

Mentre qualche minuto più tardi, carabinieri di Chiari e Polizia locale di Castelcovati erano impegnati nei rilievi, con il corpo di Alberto steso sotto un lenzuolo verde, i compagni di classe del 16enne - frequentava l’Itis di Palazzolo - assistevano impotenti, straziati dal dolore per la perdita di un amico. Alberto lascia la madre Angela Barboglio, il padre Norberto, geometra, e un fratello maggiore, Mirco, di 21 anni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento