Incidenti stradali

"Ciao Gibì": Ghedi in lacrime dopo il tragico incidente in motorino

A perdere la vita sulla Provinciale tra Calvisano e Ghedi l'idraulico 59enne Gian Battista Bonetti: sposato e padre di due figli, lascia un fratello e una sorella. Il papà ha gestito per anni la panetteria del paese

Si chiamava Gian Battista Bonetti l'uomo di 56 anni vittima fatale del terribile incidente stradale di mercoledì sera, intorno alle 18 sulla Provinciale che da Calvisano porta a Ghedi, quasi al confine. E' stato avvistato al ciglio della strada da alcuni automobilisti: lo scooter rimasto ancora in piedi, appoggiato sul fossato, le luci ancora accese. Poco più in là anche il corpo di un uomo, purtroppo già morto.

Non si esclude che venga disposta l'autopsia. Per capire se Bonetti sia morto sul colpo, se il suo si sia trattato di un incidente in solitaria – lo scooter che sbanda e finisce fuori strada, magari a causa di un malore – o se oppure (questa era l'ipotesi delle prime ore) il mezzo a due ruote non sia stato colpito e travolto da un pirata della strada, poi scappato nella notte.

A Ghedi intanto un'intera comunità è sotto shock. In tanti conoscevano Gian Battista Bonetti, detto anche Gibì: di mestiere faceva l'idraulico, sposato e padre di due figli. Volto noto dell'associazionismo locale, impegnato nel volontariato. Anche la famiglia è molto conosciuta in paese.


Il fratello ha gestito per anni un negozio di antiquariato in pieno centro a Ghedi. Il padre invece ha lavorato per parecchio tempo nella forneria di famiglia, la vecchia panetteria che stava proprio a fianco del municipio. Oltre al fratello, Bonetti lascia anche una sorella.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ciao Gibì": Ghedi in lacrime dopo il tragico incidente in motorino

BresciaToday è in caricamento