Brescia: investito sulle strisce, muore dopo 48 ore di agonia

E’ morto a Brescia l’86enne Remo Frossi, l’uomo investito sulle strisce (che non ci sono) di Via Zara, colpito in pieno da una Mini in retromarcia. Cresce la rabbia dei residenti: “Una strada troppo pericolosa”

Foto di Alberto Baccarini

Non ce l’ha fatta Remo Frossi, 86enne residente a Brescia. Morto dopo due giorni di lunga agonia, investito in retromarcia in Via Zara su quella strada dove in effetti le strisce pedonali ancora non ci sono.

Colpito in pieno da una Mini che stava facendo la ‘retro’, appena uscito di casa. Ha chiuso gli occhi per sempre nel pomeriggio di giovedì, nel reparto di rianimazione del Civile di Brescia.

Si alza ancora di più la rabbia dei residenti. Esasperati, per quei lavori che hanno deviato il traffico, hanno congestionato le arterie e la viabilità. “Un rischio enorme per tutti”, raccontano gli indignati locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento