Tragico schianto frontale, giovane donna muore dopo due giorni di agonia

Giuseppina De Filippo è spirata in un letto della Poliambulanza di Brescia

Giuseppina De Filippo

Non ce l'ha fatta Giuseppina De Filippo, la donna di 39 anni coinvolta nell'incidente di mercoledì pomeriggio sulla bretella in località Macina a Castenedolo. Originaria di Napoli, ma residente a Ghedi, Giusy (così era chiamata da tutti) è spirata dopo due giorni di agonia in un letto del reparto di rianimazione della Poliambulanza di Brescia.

Giuseppina De Filippo aveva frequentato l'istituto Mantegna di Brescia e attualmente lavorava in un'azienda di Ghedi. Non è stato facile rintracciare i genitori, c'è voluta anche una compagnia suoi social prima che potessero raggiungere la figlia al nosocomio. Purtroppo, però, le gravi ferite alla testa riportate nello schianto non le hanno lasciato scampo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento