Tragico schianto frontale, giovane donna muore dopo due giorni di agonia

Giuseppina De Filippo è spirata in un letto della Poliambulanza di Brescia

Giuseppina De Filippo

Non ce l'ha fatta Giuseppina De Filippo, la donna di 39 anni coinvolta nell'incidente di mercoledì pomeriggio sulla bretella in località Macina a Castenedolo. Originaria di Napoli, ma residente a Ghedi, Giusy (così era chiamata da tutti) è spirata dopo due giorni di agonia in un letto del reparto di rianimazione della Poliambulanza di Brescia.

Giuseppina De Filippo aveva frequentato l'istituto Mantegna di Brescia e attualmente lavorava in un'azienda di Ghedi. Non è stato facile rintracciare i genitori, c'è voluta anche una compagnia suoi social prima che potessero raggiungere la figlia al nosocomio. Purtroppo, però, le gravi ferite alla testa riportate nello schianto non le hanno lasciato scampo.

Potrebbe interessarti

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Come smettere di fumare

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Ubriaca fradicia di primo mattino, ragazza soccorsa da un'ambulanza

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Blitz della Locale dal parrucchiere, scattano i sigilli

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

Torna su
BresciaToday è in caricamento