Martedì, 22 Giugno 2021
Incidenti stradali

"Non mi sentivo più le mani e le gambe": il racconto del camionista

Il camionista Gabriele Marzilli comincia a ricordare quello che è successo domenica sera: a scatenare il terribile incidente - quattro i morti - un improvviso malore. Mercoledì pomeriggio i funerali

Nessun colpo di sonno quanto piuttosto un malore improvviso: questa sarebbe la versione confermata dagli avvocati di Gabriele Marzilli, il camionista di 41 anni originario di Frosinone – ma dipendente della Baby Race di Castenedolo – che domenica sera avrebbe provocato il terribile incidente poi costato la vita ai quattro componenti della Tony Mac Music Show.

“Non ricordo nulla”, avrebbe sempre ribadito in questi giorni. Ma lentamente la memoria riaffiora: l'uomo alla guida del Tir, come riferito dai suoi legali, avrebbe cominciato a perdere le forze, prima un formicolio alle mani – tanto da non riuscire a tenere per strada il camion – e poi la perdita di sensibilità ai piedi.

Negativo ai test di alcol e droga, il 41enne è ancora in ospedale. Gli avvocati lo hanno descritto come un uomo distrutto, in preda ai sensi di colpa e che forse deve ancora inquadrare a fondo quello che è davvero successo. Nei prossimi giorni sarà di nuovo interrogato.

Mercoledì intanto a Cuneo è il giorno del lutto: alle 15.30 in cattedrale sono previsti i funerali delle quattro vittime del terribile incidente. Per loro – Paolo Papini, Marco Inaudi, Antonio Levrone, Gian Paolo Giacobbe – il Comune ha proclamato il lutto cittadino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non mi sentivo più le mani e le gambe": il racconto del camionista

BresciaToday è in caricamento