Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

Ancora da chiarire le ragioni che hanno spinto Francesco Conti, sposato e padre di due figli piccoli, ad attraversare le corsie dell'A35, dopo aver lasciato la sua Punto in una piazzola d'emergenza

Foto d'archivio

Una tragedia immensa, per la quale - al momento- non sembrano esserci spiegazioni. Spetta agli agenti della Polizia Stradale di Chiari chiarire le ragioni che hanno spinto Francesco Conti, 46enne bergamasco, ad attraversare le corsie della Brebemi, dopo aver parcheggiato la sua Fiat Punto nella piazzola di emergenza, in prossimità del casello di Chiari Ovest.

L'uomo, sposato e padre di due bambini, è stato colpito in pieno da un camion mentre era sulla seconda corsia: un primo mezzo pesante è riuscito a schivarlo, ma il tir Daf che procedeva alle spalle del primo autoarticolato non è riuscito ad evitare il tremendo impatto, nonostante una lunga frenata.

Trascinato per metri

Travolto e trascinato per alcuni metri. Per il 46enne, di professione operaio, non c'è stato più nulla da fare: inutili gli sforzi dei sanitari del 118, arrivati sul posto a bordo dell'ambulanza. La salma dell'uomo è stata recuperata dai Vigili del Fuoco e poi ricomposta nella sala del commiato di Chiari in attesa degli accertamenti medico legali.

Sotto shock il conducente del camion, un 56enne di Bari. Come vuole la prassi sia il mezzo pesante che il camionista sono stati sottoposti ai controlli di routine dalla polizia stradale di Chiari, che indaga sul terribile incidente avvenuto poco prima delle 8 di lunedì mattina. Tutto in regola: il tir viaggiava alla giusta velocità e non era eccessivamente carico, mentre il 56enne è risultato negativo all'acol test.

Auto sotto sequestro

Resta ancora da capire perché il 46enne di Fornovo San Giovanni abbia attraversato a piedi l'autostrada: la sua auto è stata messa sotto sequestro e analizzata per capire se si fosse fermata a causa di un guasto. Le prime indagini paiono però escludere tale ipotesi: non sarebbero stati riscontarti problemi meccanici. 

Non si esclude la pista del gesto estremo, anche se sembra che il giovane padre non abbia lasciato alcun biglietto o lettera in cui motivi le ragioni che l'avrebbero eventualmente spinto a togliersi la vita. Risposte che in alcun modo potranno lenire il dolore della moglie dell'uomo che ora dovrà crescere da sola due bimbi piccoli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lastre di cemento sfondano la cabina del tir: strada chiusa e caos traffico

  • Addio Elisabetta, una lunga lotta contro il cancro: "Sei stata un esempio per tutti"

  • Scende dal bus e attraversa la strada: ragazzino travolto sotto gli occhi degli amici

  • Malore al volante, si schianta nel campo e muore: a bordo dell'auto anche moglie e amici

  • Tragico incidente mentre torna a casa dal lavoro: muore padre di famiglia

  • Cade dalla bicicletta e cerca di aiutarlo: il cane gli strappa via il naso

Torna su
BresciaToday è in caricamento