menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo della tragedia © Bresciatoday.it

Il luogo della tragedia © Bresciatoday.it

Il tragico destino di Giovanni, morto schiacciato da un camion a pochi metri da casa

È Giovanni Bonetti la vittima del tragico incidente avvenuto mercoledì pomeriggio a Borgosatollo: il pensionato stava percorrendo via Santissima in sella alla due bici ed è stato travolto da un camion

Travolto e ucciso da un camion mentre, come ogni giorno, percorreva la via principale di Borgosatollo in sella alla sua bicicletta. Un tragitto che Giovanni Bonetti conosceva perfettamente: quello che dalla sua abitazione, situata in via Santissima, conduce all'osteria 'Il Cervo" , dove andava almeno due volte al giorno per leggere i giornali, commentare le notizie con la titolare della storica attività del paese, e fare quattro chiacchiere con gli amici.

Un destino crudele ha strappato per sempre il pensionato 86enne all'affetto dei suoi famigliari e della comunità di Borgosatollo, dove era molto noto. Nel primo pomeriggio di mercoledì è stato investito da un camion, che procedeva nello stesso senso di marcia, a pochi metri da casa sua. 

Stando a quanto ricostruito dalla polizia Stradale di Brescia, sia il camion che l'anziano erano fermi al semaforo che regola l'incrocio tra via Santissima e via Di Vittorio: quando è scattata la luce verde, il camionista avrebbe svoltato a destra senza accorgersi del pensionato, che è finito sotto le ruote posteriori del mezzo pesante. L'uomo è stato rianimato sul posto per una quindicina di minuti, poi è stato portato d'urgenza al Civile di Brescia, dov'è spirato poco dopo l'arrivo.

La tragica notizia si è velocemente diffusa in paese, dove Giovanni Bonetti - per tutti "il biondo" - era molto conosciuto e stimato. Una vita per il lavoro e la famiglia: fino alla fine degli anni '80 aveva lavorato come operaio in una fonderia di San Zeno. 

"Un uomo tranquillo, buono come il pane, sempre disponibile, vitale e arzillo" così lo descrivono gli amici dell'osteria, per i quali era una fonte inesauribile di aneddoti. Lascia la moglie Angela e tre figlie: Tiziana, Albertina ed Elena. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento