rotate-mobile
Incidenti stradali Pezzaze

Ubriaco al volante, provoca un frontale e uccide un uomo: arrestato il figlio del sindaco

Il 38enne accusato di omicidio stradale per la morte di Ferdinando Tanghetti è il figlio del sindaco di Pezzaze.

Due famiglie distrutte dopo il tragico incidente, avvenuto giovedì mattina a Brozzo di Marcheno. Il dolore lega i familiari del 66enne Ferdinando Tanghetti, morto nel violento schianto frontale avvenuto pochi giorni prima del suo compleanno, ai genitori del giovane che era al volante dell'altra macchina coinvolta: il 38enne Alessandro Gipponi.

La rabbia e il dolore del sindaco

Il giovane uomo, figlio del sindaco di Pezzaze Oliviero Gipponi, è stato arrestato perché dagli esami è emerso che era ubriaco alla guida: rischia fino a 12 anni di carcere per omicidio stradale. Il 38enne è ancora ricoverato alla Poliambulanza per i gravi traumi riportati nell'incidente: nelle scorse ore i medici lo hanno dichiarato fuori pericolo.

Il primo cittadino del comune dell'Alta Val Trompia avrebbe già contatto i familiari del 66enne per porgere le proprie sentite scuse e fare le condoglianze. In un'intervista rilasciata al quotidiano Bresciaoggi si è detto devastato per quanto accaduto: "Mio figlio ha sbagliato, a me resta la vergogna. Avrò sulla coscienza Tanghetti per tutta la vita", queste le parole di Gipponi, riportate dal quotidiano locale.

L'ultimo saluto 

Intanto Bovegno si prepara per dare l'ultimo saluto a Ferdinando Tanghetti: la salma del 66enne, molto noto in paese, è stata restituita nelle scorse ore ai familiari; la cerimonia funebre sarà celebrata domenica pomeriggio, alle 14, nella chiesa parrocchiale di Bovegno. Tanghetti, dopo aver lavorato una vita come operaio alla Redaelli Tecna, da qualche tempo era occupato all'isola ecologica del Comune. Lascia nel dolore tre fratelli e una sorella. 

La dinamica dell’incidente

Il terribile schianto intorno alle 11.30 di giovedì, sulla Sp345. Gipponi avrebbe prima centrato in furgone in sosta, e poi proseguito la sua folle corsa fino a schiantarsi con l’auto di Tanghetti, una Suzuki. Impatto violentissimo, e purtroppo fatale. I due uomini sono stati estratti dalle lamiere solo grazie ai Vigili del Fuoco. Tanghetti, gravissimo, è spirato in ospedale a Gardone: Gipponi è stato invece trasferito alla Poliambulanza dove è ancora ricoverato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubriaco al volante, provoca un frontale e uccide un uomo: arrestato il figlio del sindaco

BresciaToday è in caricamento