"Ciao gnaro, riposa in pace": l'abbraccio del paese al giovane Braian

Il giorno dopo la tragedia è sempre difficile trovare le parole: “Eri un ragazzo simpatico e semplice”, scrivono gli amici su Facebook. Così come è sempre sbagliato morire a 19 anni, soltanto a 19 anni: stavolta è toccato a lui, l'ennesima vittima di sangue sulle strade bresciane. Braian Morandi è morto martedì mattina lungo la Sp510, sotto la galleria Iseo.

Anche la dinamica purtroppo è chiara. A bordo della sua Lancia Y avrebbe perso il controllo della vettura, fino a sbandare – subito dopo una curva – e a invadere la corsia opposta di marcia, proprio quando in quel momento stava transitando un furgone guidato da un ragazzo di 30 anni. Pure lui è finito in ospedale, con diverse fratture e contusioni: ma se la caverà.

Non c'è la fatta invece il giovane Brian, morto sul colpo. In quella buia galleria rimane l'immagine indelebile di un'automobile che non c'è più, ridotta a un groviglio di lamiere. Nella carambola la portiera della sua Lancia Y si sarebbe pure aperta, scaraventandolo fuori dall'abitacolo sull'asfalto, per diversi metri.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento