Bimba di 10 anni gravissima dopo l'incidente: non era legata con le cinture

La madre 36enne è stata iscritta nel registro degli indagati

Lotta per la vita in un letto del reparto di Rianimazione del Civile di Brescia, la bambina di 10 anni coinvolta nel terribile incidente sull'ex Statale 236 tra Montichiari e Castiglione, in cui è morto sul colpo un gioielliere.

Per la famiglia, di casa a Sommacampagna nel Veronese, sono ore d'angoscia e di preghiera. La piccola viaggiava su un furgoncino insieme al fratellino di 12 anni e alla madre 36enne. Stando a quanto trapelato dai i rilievi della Locale di Montichiari, si trovava sul sedile posteriore ma non sarebbe stata legata con la cintura di sicurezza; sul veicolo non sarebbe stata trovata nemmeno la cosiddetta 'alzatina', ovvero quel dispositivo di ritenuta obbligatoria per i bambini sotto il metro e mezzo d'altezza. 

La madre è stata iscritta nel registro degli indagati dal sostituto procuratore di Brescia Federica Ceschi, atto che servirà a stabilire sue eventuali responsabilità sulla sicurezza della figlia. Il fratello 12enne, seduto sul sedile anteriore con la cintura allacciata, è stato dimesso dall'ospedale con una prognosi di 5 giorni. Praticamente illesa anche la 36enne, ora sotto shock per le sorti della figlia. Lei non avrebbe colpe nell'incidente: si sarebbe vista piombare addosso l'altra auto, non potendo far nulla per evitare l'impatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento