Desenzano: malore in acqua, 13enne rischia la paralisi

Desenzano del Garda: un bambino di 13 anni è stato ricoverato al Civile di Brescia a seguito di un arresto cardiaco. Stava giocando con gli amici al parco acquatico Le Ninfee di San Martino della Battaglia

Un bambino di 13 anni è stato ricoverato al Civile di Brescia nel tardo pomeriggio di martedì, a seguito di un improvviso arresto cardiaco mentre stava giocando con gli amici alle piscine del parco acquatico Le Ninfee, a San Martino della Battaglia, in territorio di Desenzano.

Poco prima delle 19, forse un principio d’annegamento, forse una congestione. Il cuore del 13enne smette di battere, per qualche secondo, e solo il pronto intervento della squadra di bagnini del parco ha permesso di evitare il peggio. Secondo la decisiva ricostruzione dei Carabinieri di Desenzano, giunti sul posto per i rilievi, il ragazzo avrebbe battuto la testa tuffandosi nella piscina del 'fungo', dove l'acqua è profonda poco più di un metro.

Sono stati loro a rianimarlo, in attesa dell’arrivo del 118. Da Brescia è decollata l’eliambulanza, che ha provveduto al trasporto in ospedale, in codice rosso. Il giovane non dovrebbe essere in pericolo di vita, ma rischia la paralisi a causa di una lesione midollare già accertata dai medici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento