Cronaca Via Ponte Zanano

Cade nel fiume dalla ciclabile, muore dopo 5 giorni di agonia

Tragedia in Valtrompia: morto dopo 5 giorni d'agonia il pensionato 77enne Bernardino Fulgenzi. Era caduto nel fiume Mella dopo aver attraversato un tratto di ciclabile interdetto al 'traffico'

L'ingresso della ciclabile di Ponte Zanano

Aveva varcato la soglia della ciclabile del Mella, avvicinandosi troppo al fiume in una zona in realtà interdetta al 'traffico' delle biciclette. Da qui la terribile caduta, intorno alle 11 di sabato mattina, un volo di quattro metri e l'immediato ricovero in ospedale: le sue condizioni non sembravano così gravi, e invece è deceduto in ospedale dopo cinque lunghi giorni d'agonia.

Una storia che si è conclusa in tragedia, tra le stanze del Civile di Brescia. La vittima è il 77enne Bernardino Fulgenzi, caduto nel fiume in territorio di Ponte Zanano, frazione di Sarezzo. Come detto avrebbe varcato la soglia 'vietata', chiusa da mesi con reti e transenne perché considerata pericolosa, più volte erano caduti dai sassi dalla montagna della Gelè. Abitava a Brozzo di Marcheno.

Una stradina stretta e quasi 'minata', in cui avrebbe perso l'equilibrio prima di cadere direttamente nel Mella, cadendo per oltre quattro metri dall'argine che si accompagna alla frequentatissima ciclabile. La morte di Bernardino riapre una ferita aperta: al cordoglio per il pensionato seguono le polemiche – in particolare sui social – per quella strada ancora da sistemare, ma pure per chi non rispetta i divieti e vi si avventura lo stesso.


E stando alle testimonianze 'virtuali' raccontate su Facebook, i trasgressori sarebbero davvero parecchi. Una circostanza che sarebbe stata ufficiosamente confermata anche dall'amministrazione comunale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cade nel fiume dalla ciclabile, muore dopo 5 giorni di agonia

BresciaToday è in caricamento