Cronaca

Finmeccanica: sospetti su una tangente da 12 milioni alla Lega

I soldi sarebbero arrivati in cambio dell'appoggio alla nomina di Orsi al vertice dell'azienda

Alessandro Pansa - da poco nominato ad di Finmeccanica - nel 2007-2008 chiese ai vertici di Mediobanca un aiuto per risanare i debiti di Lisa Lowenstein, ex moglie del ministro dell'Economia, Vittorio Grilli. La circostanza emerge - secondo quanto riportato da alcuni giornali - dall'inchiesta dei carabinieri del Noe sulla presunta corruzione internazionale che ha portato all'arresto del presidente dimissionario di Finmeccanica Giuseppe Orsi.

Le stesse carte ipotizzano un finanziamento illecito i 12 milioni di euro che Orsi avrebbe destinato alla Lega in cambio dell'appoggio del Carroccio alla sua nomina a presidente della società.

I carabinieri riportano le testimonianze dell'amministratore delegato e del vicedirettore di Mediobanca, Alberto Nagel e Maurizio Cereda, che confermano di aver ricevuto nel 2007-2008 da parte di Pansa, "persona nota per essere vicina al ministro Grilli", una richiesta di aiuto per risanare i debiti della signora Lowenstein, per circa 400-500mila euro".

Dopo un'attenta valutazione, scrivono i militari, "i banchieri si rifiutarono di aderire alla richiesta di Pansa, che evidentemente ha poi optato per le consulenze da parte di Finmeccanica o di società del gruppo, come sostenuto da Orsi nell'intercettazione ambientale". Il riferimento è alla conversazione captata tra Orsi e l'ex presidente dello Ior Ettore Gotti Tedeschi, in cui il primo riferì di consulenze fittizie concesse alla donna.

C'é poi il capitolo Lega. L'indagine sugli elicotteri venduti all'India di Finmeccanica, riportano sempre i quotidiani, contempla anche l'ipotesi di un finanziamento illecito di 12 milioni di euro distolti da uno dei mediatori dell'affare e destinati al Carroccio in cambio dell'appoggio leghista alla nomina di Orsi al vertice di Finmeccanica.


I carabinieri registrano alcune intercettazioni da cui si evince che lo stesso Orsi "intrattenga rapporti di stretta amicizia con numerosi politici appartenenti al partito della Lega Nord". Da Umberto Bossi a Roberto Maroni, da Marco Reguzzoni a Dario Galli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finmeccanica: sospetti su una tangente da 12 milioni alla Lega

BresciaToday è in caricamento