Terribile incendio alla Spiaggia 91, fumo nero visibile a chilometri di distanza

Ingenti i danni, anche se ancora da quantificare: mercoledì pomeriggio a Rezzato ha preso fuoco un capannone della Spiaggia 91. Nessun ferito

Sono ancora da quantificare, ma saranno ingenti, i danni alle strutture della Spiaggia 91 di Rezzato dove mercoledì pomeriggio è divampato un violento incendio, per cause ancora in corso di accertamento. L'allarme è stato lanciato poco prima delle 16: durante alcune operazioni di manutenzione ha preso fuoco uno dei capannoni all'esterno della celebre Spiaggia 91, luogo di ritrovo tra i più noti di tutta la provincia.

Diverse ore per domare l'incendio

Ci sono volute diverse ore per spegnere le fiamme, quasi fino a sera tardi: sul posto sono state fatte intervenire ben cinque squadre dei Vigili del Fuoco, arrivati da Brescia e Desenzano. In via precauzionale la centrale operativa ha inviato anche tre ambulanze, due da Bedizzole e una da Mazzano: fortunatamente, non c'è stato bisogno di soccorrere nessuno.

In cielo si è alzato un fumo nero visibile a chilometri di distanza: dalla città ai paesi confinanti e non solo. Non è stato facile spegnere l'incendio: all'interno del capannone bruciava anche parecchia plastica, con tutte le conseguenze del caso. Come detto non è chiaro il motivo che avrebbe scatenato il rogo.

Il rogo durante le operazioni di manutenzione

Nel pomeriggio i titolari della Spiaggia insieme ad alcuni dipendenti erano impegnati in varie operazioni di manutenzione e di pulizia del capannone, utilizzato come deposito di materiali e attrezzature in vista della stagione estiva. Improvvisamente qualcosa è andato storto, ed è divampato l'incendio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le ipotesi al vaglio dei carabinieri, che insieme ai pompieri si stanno occupando dei rilievi, al momento sono soltanto due: un probabile cortocircuito al quadro elettrico, o un più banale errore umano, che potrebbe essere stato anche un mozzicone di sigaretta ancora acceso, gettato nel posto sbagliato al momento sbagliato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Nel Bresciano 35 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

  • Brescia: è morto il papà di Francesco Renga, aveva 91 anni

  • Covid, nuova ordinanza della Regione per locali, sport, Rsa e scuole: cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento