rotate-mobile
Cronaca Paspardo

Brucia la montagna, a fuoco 20 ettari di bosco: "E' un incendio doloso"

Devastata la montagna

Non è finita: all'alba di mercoledì il rogo, seppur sotto controllo, non era ancora da considerarsi definitivamente spento. Bruciano ancora le montagne bresciane, stavolta in Valcamonica: almeno una ventina gli ettari di bosco - l'equivalente di 200mila metri quadrati - che sono andati distrutti nella valle del Solifo, a circa 1.700 metri di altitudine, al confine tra i Comuni di Cimbergo e Paspardo, tra le località Zumella e Barbignaga.

Un fumo bianco e denso si è levato altissimo in cielo, martedì pomeriggio: in tanti, tantissimi l'hanno visto dalla valle e dintorni e hanno chiamato il 112. Non è stato facile intervenire: trattandosi di zona impervia, il lavoro si è concentrato sul trasporto e lo scarico di acqua con gli elicotteri antincendio della Regione. Due i mezzi in azione, con il supporto in seguito anche di un Canadair.

In serata il cessato allarme

Sul posto anche uomini e mezzi della Protezione Civile, i gruppi Aib (antincendio boschivo), i Vigili del Fuoco e i Carabinieri forestali. A questi ultimi sono stati affidati i rilievi del caso: a quanto pare, purtroppo, sembra si tratti di un altro incendio doloso. Il cessato allarme è arrivato in serata: "Comunichiamo a tutta la popolazione che l'incendio è ormai sotto controllo - scrive il Comune di Cimbergo - L'incendio ha interessato la montagna a circa 1.700 metri di quota, nella valle del Solifo. Le operazioni di spegnimento si sono rese difficoltose per la mancanza di acqua. Riprenderanno mercoledì mattina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brucia la montagna, a fuoco 20 ettari di bosco: "E' un incendio doloso"

BresciaToday è in caricamento