Valsabbia e Valcamonica flagellate dagli incendi, distrutti vari ettari di bosco

A Bione sono durate fino a lunedì pomeriggio le operazioni di spegnimento dell'incendio che si è "mangiato" venti ettari tra bosco e pascolo

Dopo gli incendi che hanno coinvolto la Valsabbbia e la Valcamonica, e più precisamente la zona di Bione e Pian Camuno, ci si chiede da dove abbiano avuto origine le fiamme che hanno distrutto diversi ettari di bosco. E se a Bione si parla di fiamme dolose, a Pian Camuno è stata aperta un'indagine sul disastro ambientale.

A Bione sono durate fino a lunedì pomeriggio le operazioni di spegnimento dell'incendio che si è "mangiato" venti ettari tra bosco e pascolo. E sono pochi i dubbi sul fatto che le fiamme siano state appiccate, quindi dolose. Lo spiegamento di mezzi è stato notevole, ma ora in Valsabbia si attende la pioggia per scongiurare il rischio di altri guai.

Nella Val Negra di Pian Camuno, quarantott’ore dopo le prime fiamme dolose che hanno distrutto circa venti ettari di boschi tra località “Fane” e la “colma” di Montecampione, le squadre dei volontari antincendio della Protezione civile camuna presidiano il bosco nell’ultimo lembo di terra divorato dal fuoco.
L’elenco dei danni si allunga: le fiamme hanno distrutto anche un vecchio fienile e danneggiato alcuni mezzi da cantiere di un’impresa edile. Salvato in extremis un allevamento privato con una decina di asini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

Torna su
BresciaToday è in caricamento