rotate-mobile
Cronaca

L’imprenditore che faceva affari con le cosche: sequestro da 700mila euro

Confiscate 5 società, appartamenti e conti correnti

Maxi sequestro, nelle scorse ore, nei confronti di un imprenditore calabrese attivo in Lombardia nel settore dei trasporti. Gli inquirenti lo ritengono vicino ad un sodalizio ‘ndranghetistico di derivazione crotonese, operativo anche nel Mantovano. Gli accertamenti eseguiti dalla direzione investigativa antimafia avrebbero messo in luce come l'imprenditore, tramite le proprie società, fosse riuscito (secondo l’ipotesi accusatoria) ad acquisire il controllo di gran parte dell’autotrasporto locale, favorendo l’arricchimento delle cosche anche attraverso la commissione di reati tributari.

Le indagini avrebbero infatti evidenziato la significativa sproporzione tra i redditi dichiarati dall'uomo - già condannato per associazione finalizzata al traffico di droga - e dai familiari e i beni effettivamente a disposizione.

Con il provvedimento eseguito oggi (giovedì due marzo) sono state sottoposte a sequestro cinque società, tre appartamenti, un magazzino e rapporti bancari per un valore complessivo di circa 700mila euro. Nei confronti dell’imprenditore calabrese è stata anche disposta la misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e l'obbligo di soggiorno nel Comune di domicilio per 5 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’imprenditore che faceva affari con le cosche: sequestro da 700mila euro

BresciaToday è in caricamento