Cronaca Montichiari

Magnate russo in arrivo sul Garda: il suo Boeing dirottato a Linate

I suv della sua scorta, con i vetri oscurati, lo attendevano al D'Annunzio per trasferirlo sul Garda, ma la nebbia ha obbligato il pilota a cambiare la pista d'atterraggio

Dopo mezz'ora di sorvolo sui cieli della Bassa, il pilota non ha potuto far altro che desistere, annullare la discesa e chiedere alla torre di controllo di Linate il permesso per un'atterraggio senza preavviso. Le vacanze bresciane di Igor Makarov sono iniziate con qualche ora di ritardo, e qualche disagio in più. 

Il miliardario originario del Turkmenistan - uno degli uomini russi più ricchi al mondo (la sua fortuna è "certificata" da Forbes), fondatore di Itera, la prima società indipendente di gas russo, nonché uno dei maggiori finanziatori del ciclismo russo - è da un paio di anni che è solito trascorrere periodi di vacanza sul lago di Garda, in particolar modo a villa Bober, residenza di lusso tra Desenzano e Sirmione. Per i trasferimenti aerei utilizza lo scalo monteclarense, che gli garantisce la privacy di cui ha bisogno. 

Solitamente, dopo l'atterraggio del suoi Boeing privato, il magnate sale a bordo di uno dei suv con i vetri antiproiettile oscurati che lo attendono a bordo pista, e da lì raggiunge il lago. Alla vigilia di Natale però il suo aereo non ha potuto atterrare a causa della nebbia, ed è stato obbligato a dirottare su Linate. Come Makarov, altri ricchissimi uomini d'affari estranieri negli ultimi mesi hanno iniziato ad utilizzare lo scalo bresciano per non attirare su di sé le attenzioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Magnate russo in arrivo sul Garda: il suo Boeing dirottato a Linate

BresciaToday è in caricamento