Terribile frontale a Idro: tre moto coinvolte e due feriti gravi

Terribile incidente a Idro, sulla Provinciale che porta a Lavenone: un frontale in curva che ha coinvolto tre motociclette e quattro centauri. Due giovani in sella ad una moto Ducati sono gravi al Civile di Brescia

Terribile incidente frontale a Idro nel pomeriggio di domenica: tre motociclette coinvolte, lungo la Provinciale 237, e quattro feriti di cui due gravi, tutti ricoverati in ospedale. All’altezza di Ruine, sullo stradone che proprio da Idro porta a Lavenone.

Il primo scontro ha coinvolto una Ducati, a bordo una coppia di giovani diretti verso Vestone, e una Yamaha che invece risaliva dalla carreggiata opposta, guidata da un 60enne originario di Ghedi. Impatto violentissimo, e le due moto finite in mille pezzi: dietro di loro anche un terzo mezzo a due ruote, una Augusta che non ha potuto evitare di scontrarsi con le due motociclette incidentate.

Quattro i feriti: i due giovani in sella alla Ducati sono stati accompagnati al Civile di Brescia a bordo dell’elicottero giallo del 118. Gli altri due sono stati invece trasportati in ospedale con una doppia ambulanza. Dopo 24 ore di agonia la 32enne Desireè Ferraresi, originaria di Calcinato ma residente a Bedizzole, ha perso la vita in ospedale.

Lunghi disagi al traffico, con l’intervento della Polizia Stradale per il ripristino della viabilità e per i rilievi. Per rimuovere le carcasse delle tre motociclette anche i Vigili del Fuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento