Imprenditore in ginocchio, picchiato a sangue: arrestati i rapinatori

Sono stati arrestati i quattro componenti della banda che negli ultimi mesi ha terrorizzato il Nord Italia: pochi giorni fa una tentata rapina anche a Erbusco

Il momento degli arresti nel video diffuso dai carabinieri

Armati e violenti, agivano con “tecniche militari”: erano considerati dei veri e propri “imprenditori del crimine”. Così scrive l'Ansa nel commentare gli arresti dei quattro rapinatori albanesi che negli ultimi mesi hanno terrorizzato il Nord Italia: sono stati arrestati dai carabinieri di Alessandria nell'ambito dell'operazione Ice Eyes, tradotto “occhi di ghiaccio”. Era questo l'unico indizio utile, almeno all'inizio: gli occhi chiarissimi, appunto di ghiaccio, del capobanda. L'unico elemento che i testimoni erano riusciti a ricordare e inquadrare.

La banda

A capo della banda il giovane Cesk Thani, 32enne residente a Legnano, in provincia di Milano. Insieme a lui sono finiti in manette anche Augustin Pjetergjokaj, 24 anni, e Kristjan Keci, 28 anni, entrambi residenti nel Milanese, e Kristjan Mehilli, che abitava invece a Tortona, in provincia di Alessandria.

Ai quattro vengono contestate diverse rapine, violente, in Piemonte e in Lombardia: sono arrivati a colpire anche nel Bresciano, dove pochi giorni fa avevano tentato di svaligiare la villa di un imprenditore di Erbusco, ma poi costretti a rinunciare per via dell'allarme e di circostanze rischiose.

Le rapine

Erano invece andate a segno le rapine di Cella Monte, provincia di Alessandria, e Trescore Balneario, provincia di Bergamo: nel primo caso l'imprenditore proprietario di casa era stato fatto inginocchiare e picchiato a sangue, pur di farsi consegnare la combinazione della cassaforte. Nel curriculum dei quattro rapinatori altri colpi mancati o andati a segno, anche a Parabiago, nel Milanese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella disponibilità degli arrestati sono stati recuperati pistole, proiettili, attrezzi da scasso (piedi di porco e grimaldelli): per colpire utilizzavano una Bmw, già recuperata dai carabinieri. E' risultata intestata a un prestanome, proprietario (fittizio) di più di 300 automobili. Selezionavano con attenzione i loro colpi, e le loro vittime: ricchi imprenditori, che abitavano in grandi ville e in zone isolate. E quando la rapina riusciva, il bottino era ingente: “botte” da 10mila euro e anche più, orologi costosi, soldi in contanti, gioielli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto mortale: Giulia e Claudia uccise dalla sbandata improvvisa di un'Audi

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

Torna su
BresciaToday è in caricamento