menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex promessa del calcio dà di matto: calci e pugni ai carabinieri

Guai seri per Hanine Yonese, 26enne che ha militato anche nelle fila del Chievo. Domenica ha distrutto l'abitazione dei genitori, poi si è scagliato contro i Carabinieri, mostrando infine poco rispetto anche per il giudice. È stato condannato a un anno e 10 mesi di reclusione

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE.  Per anni è stato una promessa del calcio nazionale, ma la sua carriera sembra essersi improvvisamente fermata domenica scorsa. Hanine Yonese, ventisei anni, un buon curriculum calcistico alle spalle (Chievo, Ascoli e Crotone alcune delle squadre in cui ha militato) è stato messo ko dalla sua condotta violenta, che gli è costata una serie di denunce, la risoluzione del contratto dalla società in cui giocava (la Villafranchese) e una pena severa.

Il 26enne di origine marocchina lunedì è infatti stato condannato a un anno e dieci mesi di reclusione, oltre al pagamento di una multa da 300 euro, per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il motivo: prima ha dato di matto, distruggendo l’abitazione dei genitori, poi ha preso a calci e pugni i Carabinieri allertati proprio dalla mamma del giovane.

Una domenica di follia, innescata dalla richiesta di soldi. Contanti che la madre del giovane si è rifiutata di sborsare, così Hanine ha dato di matto spaccando gli arredi e persino le porte dell’abitazione. Alla furia distruttiva ha assistito anche il padre, che però non ha potuto far nulla per placare il giovane calciatore, perché costretto su una sedia a rotelle.

Il 26enne è poi uscito di casa e la madre, terrorizzata, ha chiamato i carabinieri, che sono corsi sul posto ed hanno atteso il rientro del giovane. Alla vista dei militari, il 26enne ha perso nuovamente la testa e ha sferrato calci e pugni contro i militari, che sono dovuti ricorre alle cure del pronto soccorso.

Dopo avere trascorso la notte in caserma, il giovane è stato processato per direttissima. Durante l’udienza avrebbe riso in faccia al giudice, negando di aver colpito i carabinieri. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento