menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Ladri in azione, ragazzo prova a fermarli: aggredito con lo spray urticante

È successo venerdì mattina a Gussago: un 32enne è finito in ospedale. Si cercano tre uomini fuggiti a bordo di una Peugeot

Topi d'appartamento in azione - in pieno giorno e in pieno centro - e un cittadino finito in ospedale per aver provato a fermarli. Cronaca minima di una mattinata di paura in via IV Novembre a Gussago. La vicenda è ancora al vaglio dei carabinieri che, per il momento, mantengono il massimo riserbo. Ma la notizia di quanto è accaduto venerdì 18 settembre, all'altezza del civico 94, sta già facendo il giro del paese e (inevitabilmente) dei social.

Stando a quanto riferito a Bresciatoday.it da una commerciante, che ha assistito ai momenti concitati successivi al furto - la sua attività si trova infatti nella stessa palazzina - tutto sarebbe cominciato poco prima delle 10.30. Le urla e il trambusto provenienti dai piani superiori dello stabile hanno attirato la sua attenzione, come quella dei clienti presenti. Pochi attimi e si è trovata davanti una scena da film d'azione: tre malviventi inseguiti da un condòmino. 

Pare che un giovane di 32 anni abbia sorpreso i ladri mentre, dopo aver già messo a segno un colpo, cercavano di entrare in un altro appartamento. Una volta scoperti si sarebbero dati alla fuga, ma il ragazzo li avrebbe inseguiti giù per le scale e poi in strada. Proprio lungo via IV Novembre sarebbe avvenuta l'aggressione: il 32enne avrebbe provato in tutti modi a bloccarli, impedendo che salissero a bordo di un'auto e a quel punto uno di loro gli avrebbe spruzzato sul volto un getto di spray urticante.

Mentre i tre si dileguavano è scattata la chiamata al 112: sul posto, oltre ai carabinieri, è arrivata un'ambulanza che ha trasportato il malcapitato al Civile di Brescia per le cure del caso. Ora è caccia all'auto (una Peugeot) a bordo della quale è scappata la banda di malviventi: pare che alcuni testimoni siano riusciti a prendere il numero di targa e a carpire altri preziosissimi dettagli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento